AglioAglio

Il contenuto di zolfo presente nell’aglio, lo stesso responsabile del suo odore così pungente, è un toccasana. I ricercatori della University of Alabama a Birmingham hanno scoperto che aiuta a produrre acido solfidrico, un gas che rilassa i vasi sanguigni e mantiene la pressione del sangue sotto controllo. Per attivare gli effetti benefici dell’aglio, prima di aggiungerlo alle tue pietanze, schiaccialo e fallo riposare per 10 minuti. Leggi il mio approfondimento sui benefici dell’aglio

 

datteriDatteri

Questi frutti sono ricchi di potassio, un nutriente che svolge un importante ruolo nella gestione della pressione sanguigna. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry, i datteri, inoltre, aiutano ad abbassare i livelli di trigliceridi (grassi nel sangue associati all’insorgenza di infarti e ictus).

I datteri hanno un alto contenuto di zucchero naturale, ma a basso indice glicemico, non causano picchi di zucchero nel sangue. Un singolo dattero contiene circa 66 calorie, se ne consigliano due al giorno come spuntino.

 

Scorza d'aranciaArance

Nell’albedo, la parte bianca e spugnosa che riveste internamente la scorza dell’arancia, si trova metà della pectina presente nell’intero frutto. Diverse ricerche hanno confermato che la pectina può limitare la quantità di colesterolo che il corpo assorbe, controllando così il livello di colesterolo che si accumula nel sangue. Prova a consumare la buccia grattugiata di un’arancia, unendola a tè, farina d’avena, condimenti per insalate e muffin. Sapevi che una spremuta d’arance, bevuta durante il pasto, aiuta ad assorbire il ferro? E che i gargarismi effettuati con il succo d’arancia rossa sono molto efficaci per curare stomatiti e gengiviti?

 

funghi_secchiFunghi

I funghi sono una delle poche fonti alimentari ricche di vitamina D. Secondo uno studio svoltosi presso l’Università di Copenhagen, le persone adulte con bassi livelli di questa vitamina, hanno un rischio molto più elevato di imbattersi in malattie cardiache; la mancanza di vitamina D può causare l’indurimento delle arterie ed innalzare la pressione arteriosa. Inoltre, secondo uno studio pubblicato sul magazine BMJ, un supplemento giornaliero di vitamina D è stato dimostrato essere utile per contrarre meno stati influenzali e infezioni respiratorie acute, con una percentuale del 70 per cento in meno. Secondo gli esperti il perché sarebbe dovuto all’aiuto che la vitamina D dà al sistema immunitario (fontefonte).
Per accentuare la presenza di vitamina D nei funghi, prima di consumarli, lasciarsi fuori al sole, in un orario compreso tra la dieci del mattino e le 3 del pomeriggio, per almeno 30 minuti. Prova la mia ricetta: straccetti di vitello con funghi

 

Noci tritateNoci e frutta secca

Le noci contengono grandi quantità di grassi monoinsaturi che strizzano l’occhio al sistema cardiovascolare. Diverse ricerche hanno dimostrato che il consumo quotidiano di una porzione di noci (3-4 noci) riduce il rischio di malattia coronarica di oltre il 30 per cento. Le noci sarebbero anche un toccasana per abbassare il colesterolo e regolare la pressione del sangue. Inoltre, una ricerca pubblicata nel 2015 sul magazine New England Journal of Medicine, ha confermato che consumare con regolarità una quantità moderata di frutta secca, anche solo 30 grammi la settimana, riduce del 29 per cento il rischio di ammalarsi di malattie cardiovascolari. Prova la mia ricetta: Crepes ai quattro formaggi e noci

5 cibi per far funzionare bene il cuore

Ultima modifica: 2016-06-01T18:52:36+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Scienza e alimentazione

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Gli incredibili vantaggi dell’acqua di cetriolo

L’acqua di cetriolo sta rapidamente balzando agli onori della cronaca, e ciò non sor…