La primavera è il tempo dei colori, degli aromi, delle luci, dei giorni più lunghi, delle attività all’aperto, per alcuni è una delle stagioni più attese, per altri è invece molto temuta, o almeno nelle prime settimane, quando adattarsi ai cambianti non è per tutti semplice, si dice infatti che molte persone soffrano di astenia primaverile, un disturbo temporaneo che si manifesta con l’arrivo della primavera e che colpisce fisicamente e psicologicamente. La parola “astenia” deriva dal greco e significa “nessuna forza”, i sintomi caratteristici dell’astenia primaverile sono: stanchezza generale, mancanza di energia, disagio generale, difficoltà nel dormire, irritabilità e nervosismo, problemi di concentrazione e finanche diminuzione dell’appetito e della libido. Si tratta di sintomi che persistono per un paio di settimane, il tempo necessario per il corpo di adattarsi ai cambiamenti nella nuova stagione. L’astenia primaverile si manifesta maggiormente nelle donne in età compresa tra i 20 ei 40 anni.
I fattori che determinano l’astenia sono molteplici: il corpo deve adattarsi alle nuove condizioni di luminosità e temperatura, anche in presenza di variazioni di umidità e pressione atmosferica, nonché deve far fronte ai cambiamenti di orari, circostanze che inducono il corpo a una serie di meccanismi che alterano la regolazione dei ritmi circadiani, con la conseguente variazione della concentrazione di alcuni ormoni, ormoni che causano un’alterazione dei ritmi biologici.
In modo particolare lo squilibrio ormonale è causato dalla luce solare in eccesso: alcuni recettori presenti nei nostri occhi percepiscono più luce solare e regolano la produzione della melatonina, un ormone che induce sonnolenza. Quanta più luce i nostri occhi ricevono, tanta più melatonina sarà prodotta, e viceversa.

Come curare l’astenia primaverile

Non esiste un trattamento specifico, ma alcune sane abitudini possono aiutare, ad esempio rispettare sempre gli orari di pranzo, cena e riposo notturno, così da generare un equilibro del proprio corpo, consumare alimenti sani e bilanciati a base di verdure, frutta e cereali; avere una giusta idratazione bevendo 2 litri di acqua al giorno, riposare almeno 7-8 ore al giorno e svolgere un moderato esercizio fisico approfittando del tempo più mite per dedicare, ad esempio, 30 minuti al giorno a delle sane passeggiate.

Cerca di assumere cibi ricchi di vitamine del gruppo B, in grado di agire sul metabolismo energetico, così come vitamine C ed E, in grado di proteggere l’invecchiamento cellulare; non dimenticare i minerali come calcio, zinco e magnesio. Molto indicata è la lattuga (sai riconoscere le varie qualità di insalata?) così come carote, cavoli, spinaci, cipolle, aglio e aneto. Per la frutta prediligi albicocche, prugne, uva, limoni, arance, pompelmi e mele, da consumare almeno una volta al giorno. Mangia solo carboidrati complessi, che vengono assimilati più lentamente dal nostro corpo rispetto ai carboidrati semplici, fornendo così energia stabile e ceduta lentamente. Consuma moderatamente cioccolato fondente, capace di aumentare il livello delle endorfine presenti nel nostro cervello, attenuando così la tristezza e il malumore. Leggi anche i cibi che aumentano l’energiacibi che aumentano l’energia.

Se all’inizio della primavera ti senti più stanca del solito, non hai forza per svolgere attività quotidiane, hai difficoltà a tenere al passo con il lavoro normale, ti senti triste… probabilmente soffri di astenia primaverile. Generalmente si tratta di sintomi che scompaiono in pochi giorni o qualche settimana. Se tuttavia la tua sensazione di stanchezza o tristezza dovesse prolungarsi nel tempo, consulta il tuo medico curante, potrebbe trattarsi di un problema diverso da approfondire.

Questo blog non rappresenta una testata medica, le informazioni riportate hanno scopo puramente informativo, non possono quindi intendersi come sostituite, in alcun modo, delle prescrizioni mediche o di altri operatori sanitari. Se ti sono state assegnate cure mediche l’invito è quello ASSOLUTAMENTE di NON interromperle né variarle. Prima di procedere con il trattamento, consulta sempre il tuo medico curante, questo blog non dà consigli medici, né può essere a conoscenza delle patologie dei singoli lettori. Questo post e tutti gli altri che trattano tematiche simili hanno solo scopo illustrativo.

Astenia primaverile. Come combatterla e ritrovare l’energia

Ultima modifica: 2017-05-02T10:29:47+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Salute & Benessere

2 Commenti

  1. […] ci sentiamo svogliati, demotivati, esausti, privi di energia, magari manifestando alcuni sintomi di astenia primaverile. Come fare allora per avere più energia e affrontare meglio la giornata, senza assumere intrugli […]

    Reply

  2. […] come ad esempio durante la primavera, alcune persone soffrono di astenia primaverileastenia primaverile, una condizione che può, tra l’altro, causare un calo del desiderio sessuale. Possono […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Tutti i benefici dell’olio di Monoi per salute e bellezza

Se vogliamo l’olio Monoi è un po’ come l’olio di cocco, per certi aspetti anco…