Il fondotinta è la manna dal cielo per qualunque donna, quella “bacchetta magica” in grado di rendere la cute luminosa, levigata, idratata e dall’ottimo incarnato, anche quando, ad esempio al mattino, i toni sono sempre spenti e tendenti al grigio.

Negli ultimi anni anche la struttura chimica del fondotinta si è evoluta con formule arricchite da sostanze in grado di nutrire l’epidermide proteggendola dagli agenti esterni, neutralizzando gli attacchi di smog e polvere; niente effetto mascara, formule leggere e meno pastose, quasi impalpabili, che garantiscono un effetto “nudo” a prescindere dalla copertura.

Di fondotinta in commercio ne esistono davvero di tutti i tipi: in polvere, fluido, in crema, ma qual è la regola per scegliere quello più adatto alla nostra pelle?
Un primo punto fermo è che il fondotinta deve essere sempre rigorosamente scelto tono su tono, al massimo un tono più chiaro, solo così eventuali imperfezioni della pelle risulteranno coperte alla perfezione, viceversa un tono più scuro scurirebbe eventuali macchie, rughe etc, rendendole ancora più evidenti. Un fondotinta eccessivamente chiaro o troppo scuro contrasterebbe in modo palese con il colore naturale di mani, collo e orecchie, l’effetto sarebbe sicuramente poco elegante. Durante il periodo invernale utilizza le tonalità rosate. Ricorda sempre che il fondotinta serve essenzialmente per uniformare l’incarnato, non lasciarti convincere dall’idea che invece serva per colorare.

Per provarne la resa senza necessariamente indossarlo, prova il fondotinta sotto il polso, questa zona di pelle, infatti, rappresenta il colore più vicino a quello della pelle del nostro viso, sempre che la pelle non sia abbronzata, viceversa, tipicamente da fine primavera a fine estate, la zona più indicata per fare delle prove è il centro della guancia. Se la tua pelle trattiene poco il fondotinta, soprattutto nel caso di pelle grassa, evita le BB Cream (creme anti-imperfezioni), che tendenzialmente hanno una durata inferiore; un semplice trucco per far durare più a lungo il fondotinta consiste nel passare lo stesso sopra alla cipria – nel caso di fondotinta in polvere – che funziona da fissante regalando anche un aspetto di velluto: applica la cipria adoperando una spugnetta bagnata, poi stendi il fondotinta; se invece stai adoperando un fondotinta in crema o liquido, applica la cipria dopo aver steso il fondotinta, così da assorbire l’umidità dei prodotti e il sebo naturale della pelle.

A seconda dell’effetto che vorrai ottenere dovrai utilizzare un fondotinta diverso; nella fattispecie, se vorrai ottenere un effetto coprente, opterai per un fondotinta compatto in crema, generalmente più indicato per pelli con problemi di discromie, che andrà tamburellato con il pennello; potrai anche optare per il fondotinta fluido, che stenderai adoperando una spugnetta in lattice o con lo specifico pennello da fondotinta in setole.

Il fondotinta fluido, quello più versatile, offre una texture leggera e, grazie alla sua formulazione, può adattarsi bene a pelli secche, normali o grasse.

Se invece l’effetto desiderato sarà quello trasparente, allora meglio scegliere un fondotinta in crema o fluido, potrai stenderlo impiegando una spugnetta o un pennello.
In caso di pelle secca scegli un fondotinta in crema, se invece la pelle è piuttosto untuosa opera per in fondotinta compatto in polvere, le micro-spugne in esso contenute assorbono il sebo in eccesso, rendendo il viso meno lucido.

Se la pelle è ricca di imperfezioni (acne e piccole cicatrici) il consiglio è quello di usare due fondotinta, uno più coprente e opaco da applicare sopra un fondotinta più illuminate o con effetto più naturale. Ad esempio, Em Ford nei suoi video su YouTube (vedi sotto) mostra come “camuffa” la sua acne adoperando, tra gli altri prodotti, anche i fondotinta NYX HD Studio Photogenic Foundation e L’Oreal Paris True Match.

 

Il fondotinta minerale

Questo particolare fondotinta si differenzia dagli altri per la sua particolare composizione: minerali ridotti in polvere. Tra i minerali maggiormente impiegati troviamo l’ossido di ferro e di zinco (a cui vengono riconosciute proprietà lenitive e cicatrizzanti), il biossido di titanio (che agisce principalmente come filtro solare e rende meno evidenti le imperfezioni della pelle) e la mica (un silicato di alluminio e potassio utilizzata per conferire colore, ma anche indicata per il suo effetto sebo-regolatore e calmante).

La quasi totalità del fondotinta minerali in commercio sono anche privi di coloranti artificiali, parabeni e siliconi, rendendoli così ideali per tutte le pelli più sensibili. Inoltre, funzionano anche da seboregolatori, eliminando l’antiestetico effetto lucido della pelle. Trovi i fondotinta minerali sotto forma di polvere anche compatta. Per applicarli puoi adoperare un pennello dalle setole fitte.

Come scegliere il fondotinta per la propria pelle

Ultima modifica: 2016-11-22T11:48:56+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Moda & Bellezza

1 commento

  1. […] al top, così da essere pronte per centinaia di “cheese” o selfie natalizi. Scopri anche come scegliere il fondotinta più adatto al tuo incarnato e mostrare un viso sano e […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

I cibi per rendere la tua pelle più sana e giovane

Tutti noi vorremmo avere la pelle più sana e giovane, forse però non sappiamo che per farl…