Ingredienti per 5 Persone Tempo di preparazione, circa 30 Minuti
  • 500g di farina 00
  • 250g di patate a pasta gialla
  • 7-8 acciughe sott'olio
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 lito di olio per frittura (meglio se di arachidi)
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • Sale q.b.
  • Acqua q.b.

Quella che vi propongo oggi è una tipica ricetta calabrese che si prepara in occasione del Natale, più in particolare la vigilia della festa dell’Immacolata, oppure il 24 dicembre aspettando il cenone natalizio. Crispelle, crespelle, cuddruriaddri, grispelle, sono diversi i nomi con i quali viene chiamato questo piatto di ciambelle salate fritte in abbondante olio. In questa ricetta vi mostrerò come preparare le ciambelle classiche e quelle ripiene con acciughe (Crispelle fritte con acciughe) ancora più saporite. Consumate le crispelle calde calde, magari abbinandole a qualche fetta di soppressata o altro salume. Un vino da sorseggiare? Essendo una ricetta calabrese non posso che suggerirvi un vino bianco del luogo, dal profumo aromatico e dal gusto delicato e vivace: un Cirò bianco, ideale per antipasti fritti.

Crispelle fritte con acciughe

Ultima modifica: 2012-12-09T11:32:54+00:00

da Luna

Passo 1

Lessate le patate (meglio se al microonde, assorbiranno meno acqua e risulteranno più compatte), schiacciatele e riponetele in una ciotola.




Passo 2

Sciogliete il lievito di birra in un bicchierino di acqua tiepida, unite lo zucchero, mescolate e lasciate riposare per 10 minuti. Riponete le patate schiacciate nella planetaria, aggiungete la farina, incorporate il lievito sciolto, un pizzico di sale e un po’ d’acqua. Azionate l’impastatrice e fate amalgamare il composto.




Passo 3

Aggiungete poca per volta un po’ d’acqua, il composto dovrà risultare morbido e colloso, fluido ma non troppo liquido. A lavorazione ultimata, coprite la ciotola della planetaria con un panno in grado di mantenere la  temperatura, oppure riponetela in forno leggermente intiepidito in precedenza. Lasciate lievitare la pasta finché raddoppia di volume (circa 90 minuti).




Passo 4

Versate l’olio per friggere (meglio se olio di semi di arachidi) in una casseruola antiaderente dai bordi alti. Portate l’olio a temperatura. Per accorgervi se la temperatura ha raggiunto il punto giusto di frittura, versate nell’olio una piccolissima pallina di impasto, la temperatura dell’olio sarà ok se la pasta risalirà in superficie e diventerà dorata in pochi secondi.




Passo 5

Preparate le acciughe sott’olio estraendole dal vasetto e riponendole su un piattino.




Passo 6

Ungete le mani di olio, prendete un po’ di impasto e formatene una pallina. Praticate un piccolo foro al centro della pallina e, adoperando le mani, delicatamente allargate il foro fino a realizzare una ciambellina.




Passo 7

Preparate le crispelle con le acciughe, seguendo lo stesso procedimento delle ciambelle. In questo caso, però, riponenete nella pallina di impasto un’acciuga, arrotolate la pasta su sè stessa, in modo che l’acciuga resti “intrappolata” al suo interno.




Passo 8

Versate le ciambelle e le crispelle con acciughe nell’olio bollente, si gonfieranno e diventeranno dorate in pochi secondi. Giratele in modo da farle dorare da entrambi i lati. Cuocete nell’olio massimo 3-4 ciambelline per volta, altrimenti questi perderà la giusta temperatura e le vostre ciambelle assorbiranno troppo olio di frittura, diventando indigeste. Quando le ciambelle si sono gonfiate dalla parte superiore, raccogliete un po’ di olio bollente e passatelo sulle ciambelle, aumenterano ancor di più di volume.




Passo 9

Raccogliete ciambelle e crispelle con le acciughe adoperando un mestolo forato, quindi fatele scolare su carta assorbente, procedete spolverizzando con sale. Non coprire le ciambelle, altrimenti diventeranno molli. Servite ben calde, magari accompagnandole con un bel bicchiere di vino bianco (Cirò Bianco ad esempio) e qualche fetta di soppressata.




Mostra altri della sezione Antipasti

4 Commenti

  1. […] ecco perché oggi voglio segnalarvi il sito CucinaConLuna. Qui, trovate la ricetta delle crespelle con le acciughe preparate dalla mia amica Veronica, e tante altre […]

    Reply

  2. Mostaccioli calabresi | CucinaConLuna

    13 settembre 2016 at 14:39

    […] I mostaccioli sono un tipico dolce calabrese a base di miele, vengono preparati anche in Campania, dove spesso sono ricoperti di cioccolata. Si tratta di un dolce che viene preparato durante le festività di Natale. Biscotti davvero tanto buoni realizzati con semplici ingredienti: farina, lievito e miele. Ci sono diverse ricette per prepararli, tipicamente legate al luogo della regione, gli ingredienti sono quasi sempre gli stessi, ma varia la consistenza del biscotto, avvolte talmente duro da doverlo quasi sciogliere in bocca. La mia ricetta prevede invece un biscotto molto morbido e friabile, da conservare anche diversi giorni in un contenitore ermeticamente chiuso. Questi biscottini non possono mancare sulla tavola di Natale! Preparateli, aspetto tanti, tanti vostri commenti. Se ami le pietanze calabresi, prova anche le crispelle fritte con acciughe. […]

    Reply

  3. […] La pasta con mollica e acciughe è un piatto tipico del sud d’Italia, tipicamente lo si prepara in occasione del Venerdì santo; generalmente si prepara con pasta lunga, spaghetti o linguine per esempio. Una ricetta frugale, con ingredienti molto semplici, ma dal sapore intenso. Ho provato questa ricetta diverse volte a casa di mie amiche ma spesso e volentieri, la mollica era sempre intrisa di olio, e il piatto in sé, seppure molto buono, era un po’ difficile da digerire. La ricetta che vi propongo, invece, lascerà la vostra mollica ben croccante e tanto gustosa per il vostro palato. Mio marito consiglia di abbinare a questo piatto un bel vino Cirò bianco, un Falerio dei Colli Ascolani o un vino secco siciliano. E se ami le acciughe prova anche queste squisite Crispelle fritte con acciughe. […]

    Reply

  4. […] rapportatevi a un classico bicchiere di carta. Se ami le ricette calabresi, prova anche le mie Crespelle con acciughe […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Fagioli borlotti e scarola

Oggi voglio presentarti una zuppa che adoro. Oltre a essere tanto salutare, questa zuppa d…