Ingredienti per 6-8 Persone Tempo di preparazione, circa 50 Minuti
  • 220g di farina di mais (Fioretto)
  • 1 litro di acqua
  • Sale q.b.
  • Olio di semi per frittura (preferibilmente di semi di arachidi) q.b.
  • Maionese q.b.
  • Glassa di aceto balsamico q.b.

I crostini di mais sono un ottimo finger food, possono essere serviti anche per accompagnare piatti di carne, verdure, pesce o sughi vari. Sono deliziosi, io amo consumarli con una goccia di aceto balsamico e maionese, oppure con ketchup o paté di olive. Sono ottimi anche da servire come contorno a una zuppa o semplicemente consumarli senza l’aggiunta di nessun condimento. Io, ad esempio, li utilizzo di contorno al mio piatto di baccalà su crema di zucchine e patate. Una ricetta semplicissima che sapranno apprezzare anche i vostri amici vegetariani. Provateli, attendo vostri commenti. Dimenticavo… prova anche le mie Polpette in crosta di mais.

Crostini di mais

Ultima modifica: 2012-11-22T23:18:30+00:00

da Luna

Passo 1

Preparate la polenta portando a ebollizione una pentola con 1 litro di acqua salata. Aggiungete un cucchiaio di cucchiaio di olio extravergine di oliva e la farina di mais a pioggia, nel mentre rimestate energicamente adoperando un mestolo di legno. È importante aggiungere la farina poca per volta, altrimenti rischiate che si formino i fastidiosi grumi. La cottura è molto lunga,  fate cuocere fino a quando il composto risulterà ben compatto. Per rendere il piatto ancora più gustoso (io preferisco di no) mantecate la polenta con 50 grammi di burro e il Grana Padano grattugiato. Qualora la polenta diventi troppo soda senza aver ancora finito la cottura, aggiungete un mestolo d’acqua calda. Conclusa la cottura, versate la polenta su un tagliere di legno e lasciate raffreddare.




Passo 2

Affettate la polenta in modo da realizzarne delle fette non molto spesse, così come mostrato in foto. Attenzione, la polonta dovrà essere ben fredda, altrimenti difficilmente riuscirete ad affettarla senza sbavature.




Passo 3

Per ogni fetta di polenta ricavetene dei triangolini così come mostrato in foto.




Passo 4

Impanate i triangolini nella stessa farina di mais utilizzata per preparare la polenta. Badate bene a impanare tutta la superficie dei crostini.




Passo 5

In una padella fate riscaldare il giusto quantitativo di olio di semi per frittura (io preferisco quello di arachidi, che contiene un’elevata quantità di acidi grassi monoinsaturi, circa il 50 per cento, contro una modesta parte, circa il 27 per cento di polinsaturi). Quando l’olio sarà abbastanza caldo, friggete i vostri crostini di polenta. Fateli dorare in tutte le parti, quindi riponeteli su un foglio di carta assorbente.




Passo 6

Condite ogni crostino di mais con maionese, glassa di aceto balsamico, patè di olive, formaggio spalmabile o qualunque altro alimento riteniate opportuno. Io amo condire i crostini con maionese e una goccia di glassa di aceto balsamico. Servite i crostini di mais bel caldi come contorno a un piatto di carne, verdure, pesce o sughetti vari. Sono deliziosi.




  • French toast

    I French toast che dal nome potrebbero falsamente evocare una ricetta francese, in realtà …
  • Mini cornetti di pasta sfoglia ripieni di Nutella

    Oggi voglio presentarti questi cornettini alla Nutella da preparare in dieci minuti o anch…
  • Polpette di patate e zucchine

    Polpette di patate e zucchine

    Le polpette sono uno dei piatti preferiti dai bambini, ma diciamocelo pure, spesso anche d…
Mostra altri della sezione Finger food

3 Commenti

  1. Baccalà con crema di patate e zucchine

    26 novembre 2012 at 08:21

    […] Per il tocco finale, per insaporite ancora di più il piatto, ho utilizzato i miei gustosissimi crostini di mais con le cipolle di Tropea infarinate e fritte. Non è una pietanza velocissima da preparare, ci […]

    Reply

  2. Zuppa di lenticchie ai cereali

    23 gennaio 2013 at 22:40

    […] un mix di cinque cereali. Accompagna la vostra gustosissima zuppa di lenticchie con i miei superbi crostini di mais, devo dire un’accoppiata perfetta. Provare per […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

French toast

I French toast che dal nome potrebbero falsamente evocare una ricetta francese, in realtà …