Frutta e verdure disponibili durante i mesi invernali sono ricche di sostanze nutritive essenziali ed antiossidanti che possono aiutare a mantenerci in salute durante la stagione fredda. Nutrienti ricchi di vitamine, minerali e composti vegetali in grado di favorire il sistema immunitario, mantenere la pelle sana e garantire una buona salute mentale. Ti presento i supercibi invernali.

Tacchino, tanto utile agli atleti

Il tacchino è un alimento magro, ad alto contenuto proteico; questa carne è una buona fonte di vitamine del gruppo B (tra cui B6 e B12) necessarie per convertire il cibo in energia. La carne di tacchino e anche ricca di selenio e zinco, elementi che fortificano il sistema immunitario, così come di triptofano, utilizzato dal cervello per produrre la serotonina (l’ormone che influenza l’umore) e la melatonina (che influenza il ciclo sonno/veglia). La fesa di tacchino apporta le stesse calorie del filetto di vitello ma fornisce il 20 per cento in più di proteine e ben il 50 per cento di grassi in meno, in più, cosa che molti ignorano, in un etto di carne di tacchino si trovano 2,5 grammi di ferro, quasi la stessa quantità presente nella carne di bovino. Una carne bianca che dovrebbero consumare in particolar modo gli atleti: è infatti ricca di aminoacidi ramificati, utili nel metabolismo dei muscoli e per promuovere lo smaltimento delle tossine che si formano quando il corpo svolge un’intensa attività atletica.

Zucca, per fare il pieno di omega-3

zuccaIl caratteristico colore arancione delle zucche è dovuto a un potente antiossidante chiamato beta-carotene, che contribuisce anche a ridurre i danni causati dei radicali liberi. Il beta-carotene viene convertito in vitamina A, che aiuta a mantenere la pelle sana garantendo il corretto funzionamento dell’apparato visivo. Ottimo alleato del benessere intestinale, la zucca è un ortaggio poco calorico e molto ricco di fibre. La zucca è anche molto ricca di acidi grassi Omega-3 (omega-3 cibi ricchi), presente soprattutto nei semi di zucca, semi che possono essere essiccati e poi sgranocchiati di tanto in tanto. Omega 3 cibi ricchi.

Cavoletti di Bruxelles, vitamina C e tanta fibra

Questi piccoli cavoli sono ricchi di composti contenenti zolfo, lo stesso elemento che conferisce loro il caratteristico odore. Ai cavoletti, così come ad altre crucifere, sono da tempo riconosciuti effetti protettivi dal cancro. I cavoletti di Bruxelles sono anche una buona fonte di vitamina C (85 mg ogni 100 grammi), K (ottima per la salute delle ossa), acido folico e ferro, un vero toccasana per mantenere in buona forma colon (la fibra alimentare di cui sono composti è molto efficace contro la stipsi), prostata, occhi, ossa e cervello. Questa verdura sembra anche giovare al metabolismo ormonale femminile, nonché gli vengono riconosciute proprietà antianemiche e disintossicanti.

Mirtilli, un toccasana anche per la memoria

I mirtilli contengono antiossidanti utili per neutralizzare l’effetto dei radicali liberi. Queste piccole bacche, praticamente prive di grassi, offrono un carico di fibra in grado di soddisfare l’intera esigenza quotidiana, in più i mirtilli sono una fonte eccellente di manganese, che svolge un ruolo importante nello sviluppo delle ossa e la conversione dei carboidrati e grassi in energia.
Il frutto contiene tantissima vitamina C, una porzione fornisce quasi il 25 per cento del fabbisogno vitaminico giornaliero. Secondo il Journal of Medicine Orthomolecular, la vitamina C riduce la pressione intraoculare, diminuendo il potenziale sviluppo del glaucoma. Un altro studio suggerisce che i mirtilli, grazie alla presenza degli antociani, possono ridurre il rischio di malattie cardiache nelle donne, contrastando l’accumulo di placche e migliorando la salute cardiovascolare (fonte). Secondo lo studio, le donne che mangiano tre o più porzioni a settimana di mirtilli o fragole possono ridurre sensibilmente il rischio di malattie cardiache. Prova questo ottimo Frullato ai mirtilli.
I mirtilli possono anche aiutare a combattere le infezioni del tratto urinario, questo perché contengono composti che impediscono ai batteri di attaccarsi alle pareti della vescica e del tratto urinario. E non finisci qui, scienziati del centro di ricerca USDA hanno studiato per un decennio gli effetti benefici dei mirtilli sulla funzione del cervello dei ratti; i ricercatori hanno scoperto che la perdita di memoria, che si verifica normalmente con l’avanzare dell’età, può essere prevenuta e addirittura invertita alimentando i ratti con porzioni di mirtilli (fonte). In un altro studio che ha visto protagoniste nove persone, ricercatori guidati dal prof. Robert Krikorian dell’Università di Cincinnati, hanno scoperto che le persone alle quali era stato somministrato per un certo periodo di tempo succo di mirtillo, hanno registrato punteggi più alti nei test di memoria rispetto a chi era stato trattato con un placebo, dimostrando che i mirtilli possono servire anche come alimento utile alla prevenzione del declino cognitivo (fonte)

Melograni, il frutto degli Dei

I chicchi del melograno, frutto chiamato non a caso “frutto degli Dei”, sono ricchi di vitamina C, acido folico, vitamina K e potassio, contengono anche buono dosi di fibre, minerali e composti vegetali bioattivi. Alcune ricerche suggeriscono che il melograno possa avere benefici sulla salute del cuore, migliorando i livelli di colesterolo buono e abbassando quelli del colesterolo LDL (colesterolo cattivo). Nei melograni sono due le sostanze particolarmente benefiche: l’acido punicico e le Punicalagine. La Punicalagine è potentissimo antiossidante (polifenoli) presenti nel succo e nella buccia del frutto, basti pensare che il succo di melograno ha un’attività antiossidante ben tre volte maggiore a quella del vino rosso e del tè verde. In uno studio che ha visto coinvolti 21 pazienti ipertesi (con età compresa tra i 30 e i 67 anni), si è appura una riduzione significativa della pressione sanguigna nei soggetti ai quali quotidianamente, e per due settimane, era stato fatto consumare 150 ml di succo di melograno (fonte). In un altro interessante studio con 51 persone affette da colesterolo alto e trigliceridi, è stato dimostrato come 800 milligrammi di olio di semi di melograno al giorno per 4 settimane possono abbassare significativamente i valori dei trigliceridi (fonte). Sapevi che proprio nel melograno potrebbe nascondersi il segreto per restare sempre giovani.

Una mela al giorno…

Mele verdiLe mele sono disponibili tutto l’inverno. Questo frutto dalla consistenza decisamente croccante contiene elevate quantità di pectina, una fibra solubile che può aiutare a gestire i livelli del colesterolo ma non solo, nelle mele si trovano anche buone fonti di proteine, potassio, vitamina A e B6, calcio, ferro e magnesio. Le mele offrono anche altri innumerevoli benefici per il cervello e per i muscoli, sono ottime per il sistema cardiocircolatorio… Ti invito ad approfondire qui perché le mele fanno tanto bene alla salute.

Questo sito non è una testata medica, le informazioni riportate hanno scopo puramente informativo, non possono quindi intendersi come sostituite, in alcun modo, delle prescrizioni mediche o di altri operatori sanitari. Se ti sono state assegnate cure mediche l’invito è quello ASSOLUTAMENTE di NON interromperle né variarle. Tutte le indicazioni o suggerimenti inerenti l’assunzione di alimenti o altri preparati che trovi su questo sito devono essere sempre e comunque analizzate e avvalorate dal parere del tuo medico curante.

Frutta verdura e cibi prettamente invernali che migliorano la tua salute

Ultima modifica: 2016-12-20T19:03:30+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Scienza e alimentazione

1 commento

  1. Torta al cacao | CucinaConLuna

    9 gennaio 2017 at 17:31

    […] il cacao grezzo in polvere, oltre a contenere 40 volte la quantità di antiossidanti presenti nei mirtilli, contiene anche la più alta quantità di ferro non-eme (ferro inorganico) presente in qualsiasi […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Gli incredibili vantaggi dell’acqua di cetriolo

L’acqua di cetriolo sta rapidamente balzando agli onori della cronaca, e ciò non sor…