La rucola, sempre più impiegata in cucina per accompagnare diversi piatti, dalla bistecca, alla pizza, passando per la pasta – hai già provato la mia Pasta con rucola e patate – appartiene alla famiglia delle Cruciferae, eredita quindi gli stessi benefici salutari offerti da ortaggi afferenti la stessa specie: broccoli, cavoli e cavoletti di Bruxelles ad esempio.
Grazie al suo apporto calorico molto ridotto (25 calorie ogni 100 grammi di rucola) viene spesso consigliata nelle diete ipocaloriche. Questa pianta, che cresce anche selvatica, veniva impiegata già dai tempi antica, ad essa venivano riconosciute proprietà afrodisiache.
Le vitamine della rucola sono diverse, così come i minerali, la vitamina C (prevale nelle foglie appena raccolte) ed è uno dei vegetali più ricchi di vitamina K, un adeguato consumo di vitamina K migliora la salute delle ossa migliorando l’assorbimento del calcio, oltre a svolgere un ruolo importante nella coagulazione del sangue (consulta il tuo medico curante, se assumi farmaci anticoagulanti e decidi di consumare la rucola).

Il consumo di 40 grammi di rucola fornisce il 20 per cento di vitamina A, oltre il 50 per cento di vitamina K e l’8 per cento di vitamina C. Insieme ad altre verdure a foglia verde e alla barbabietola rossa, la rucola contiene livelli molto elevati di nitrati (più di 250 milligrammi ogni 100 grammi di prodotto); un elevato consumo di nitrati si è dimostrato essere utile per abbassare la pressione sanguigna, ridurre la quantità di ossigeno necessario durante l’esercizio fisico e migliorare le prestazioni atletiche (fonte). Secondo quanto riportato dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti d’America, 40 grammi circa di rucola apportano 1 grammo di proteine, 0,3 grammi di grassi e 1,5 grammi di carboidrati (0,6 grammi di fibra e 0,8 grammi di zucchero).

Alla rucola sono anche riconosciute proprietà digestive, stimolerebbe infatti la produzione dei succhi gastrici. Una ricerca del 2009 pubblicata sulla rivista World Journal of Gastroenterology dimostra che l’estratto di rucola godrebbe di proprietà anti-secretorie, citoprotettive e in grado di proteggere la mucosa gastrica dalle secrezioni acide, favorendo finanche la guarigione di alcune tipologie di ulcere (fonte). Gli infusi a base di rucola vengono invece impiegati per far fronte a tosse e raucedine.

Questo blog non rappresenta una testata medica, tutte le indicazioni o suggerimenti inerenti l’assunzione di alimenti, integratori, vitamine, o altri preparati che trovi su questo sito devono essere sempre e comunque analizzate e avvalorate dal parere del tuo medico curante.

I benefici della rucola

Ultima modifica: 2017-02-10T13:05:45+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Scienza e alimentazione

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Gli incredibili vantaggi dell’acqua di cetriolo

L’acqua di cetriolo sta rapidamente balzando agli onori della cronaca, e ciò non sor…