Viaggire fa sì che corpo e mente si liberino dalle negatività che attanagliano il nostro star bene fisico e mentale, la ricerca ha dimostrato che organizzare un viaggio fa bene al cervello e dà felicità, riduce lo stess, aumenta la creatività e la lucidità mentale e migliora le proprie capacità di problem solving.

Prenotare i biglietti aerei, la camera d’albergo, noleggiare l’auto sono tutte operazioni da compiere quando ci si prepara per un viaggio, dimenticando, a volte, di organizzarsi affinché quel viaggio proceda senza intoppi di salute: mal d’auto, problemi digestivi e jet lag sono mali comuni quando ci si mette in viaggio. Ecco allora che un kit a base di erbe da portare con te quando affronterai un prossimo viaggio, magari in occasione delle prossime festività natalizie, può essere davvero comodo.

Nausea? Vomito? Indigestione? Ci pensa lo zenzero

zenzeroL’ayurveda, la medicina tradizionale utilizzata in India fin dall’antichità, definisce lo zenzero una “medicina universale”, è infatti una sorta di armadietto dei medicinali da avere sempre a portata di mano. Lo zenzero è stato a lungo raccomandato come rimedio efficace per diverse condizioni di salute, ma la ricerca sottolinea come sia in primis un toccasana per combattere la nausea e il vomito derivante da cinetosi. In un esperimento che ha visto coinvolti 28 pazienti, lo zenzero ha ridotto il senso di nausea in taluni partecipanti allo studio senza dover ricorrere al bancone farmaceutico. Se hai problemi di questo tipo il consiglio è quindi quello di preparare una bella tazza di tè con l’aggiunta di zenzero.
Altri studi hanno invece dimostrato che lo zenzero è molto efficace per l’indigestione: riduce gli spasmi, assorbe e neutralizza le tossine nel tratto gastrointestinale, aumenta la secrezione dei succhi gastrici, comprese bile e saliva. Lo zenzero, infatti, contiene composti che favoriscono la digestione, aumentando la peristalsi (il movimento del cibo lavorato dallo stomaco attraverso il tratto intestinale) favorendo l’accelerazione nello svuotamento dello stomaco.

Combatti la costipazione con il rabarbaro

rabarbaro La stipsi è comune durante un viaggio ma che può essere combattuta la radice di rabarbaro cinese (Rheum palmatum). Il rabarbaro è un’erba amara con potenti proprietà lassative, oltre a essergli riconosciute proprietà, toniche, antibatteriche e vermifughe. Promuove la formazione della bile migliorando la motilità intestinale ma fa anche bene a pelle e capelli. Il rabarbaro è ben tollerato ed è utile per le persone di tutte le età. Per avere un effetto lassativo prova questa ricetta con prodotti che puoi recuperare in qualunque erboristeria: prepara un composto con 40 g di liquirizia, 20 g di rabarbaro e 10 g di anice. All’occorrenza fai macerare in un bicchiere di acqua fredda per mezz’ora un cucchiaino di questo composto, filtra e poi bevi al mattino a digiuno.

La valeriana per calmarti e conciliare il sonno

valerianaHai finalmente raggiunto la tua meta preferita, ma ora ti ritrovi con un’insonnia senza precedenti con il giorno che vaghi per la città dei tuoi sogni a mo’ di zombie. Come fare? Ricorri alla radice di valeriana per combattere i problemi legati al jet lag ma anche per sedare crampi addominali,
ipereccitabilità e come antispasmodico generale. Può essere impiegata anche esternamente per lenire gli effetti di distorsioni e contusioni, nevralgie e dolori muscolari. I principi attivi, contenuti essenzialmente nella radice della pianta, sono in grado di aumentare i livelli dell’acido gamma amino butirrico (GABA), un neurotrasmettitore naturalmente presente nel nostro organismo.

Somministrata secondo le indicazioni del farmacista o del proprio medico curante (in dosi eccessive può arrecare danni invece di benefici) ha un effetto calmante sul sistema nervoso, è un buon sedativo a breve termine che funziona in modo rapido, offrendo una sana alternativa, non tossica, ai farmaci da prescrizione.
Assumere la valeriana al momento di coricarsi aiuta a conciliare il sonno. Uno studio pubblicato sul magazine Phytotherapy Research ha dimostrato che le persone con insonnia indotta da stress che hanno assunto 600 mg di valeriana al giorno per sei settimane hanno avuto una riduzione significative dello stress totale e dell’insonnia.

Questo sito non è una testata medica, le informazioni riportate hanno scopo puramente informativo, non possono quindi intendersi come sostituite, in alcun modo, delle prescrizioni mediche o di altri operatori sanitari. Se ti sono state assegnate cure mediche l’invito è quello ASSOLUTAMENTE di NON interromperle né variarle.
Tutte le indicazioni o suggerimenti inerenti l’assunzione di alimenti o altri preparati che trovi su questo sito devono essere sempre e comunque analizzate e avvalorate dal parere del tuo medico curante.

Pronti a partire? Le erbe che devi portare in viaggio per evitare nausea, stipsi e insonnia

Ultima modifica: 2016-12-03T16:01:14+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Casa e famiglia

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

6 usi del bicarbonato di sodio in lavatrice

Può suonare un po’ come il vecchio rimedio della nonna, ma, l’aggiunta di bicarbonat…