Ingredienti per 2 Persone Tempo di preparazione, circa 15 Minuti
  • 200g di salmone con pelle
  • 1 cucchiaio di prezzemolo, tritato finemente
  • Sale/pepe q.b.
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • 12 Asparagi
  • 2 cucchiai di mandorle a scaglie
  • 1/2 cucchiaino di aglio tritato
  • 1/4 di cucchiaino di scaglie di peperoncino
  • Spicchi di limone

I cosiddetti super-cibi sono davvero così essenziali per la nostra salute? È una domanda lecita, che in tanti sicuramente si pongono ogniqualvolta si apprendono notizie a riguardo. Naturalmente i super cibi, come ad esempio le bacche di Acai o di goji, oltre ad essere salutare per il nostro organismo – almeno così dicono diversi studi in merito – e pur vero che rappresentano un grande fonte di reddito per importanti multinazionali. Cosa si nasconde realmente di buono per il nostro organismo dietro i super food?

Cosa rende davvero un alimento “Super food”?

Quando si esamina un super cibo, la prima cosa da fare è sicuramente non stare appresso al clamore mediatico, bensì esaminare un super food da quelle che invece sono le prove scientifiche che ruotano intorno allo stesso. Prendiamo ad esempio il super cibo per eccellenza, le bacche di Acai. Queste piccole bacche di color viola crescono nel profondo della foresta Amazzonica, sono note per contenere grandi quantitativi di antiossidanti, capaci di ringiovanire le cellule combattendo i radicali liberi. Il pigmento color porpora scuro degli acini ospita potenti composti chiamati antociani e polifenoli, composti che aiuterebbero le funzionalità del nostro cuore, riducendo i quantitativi di grasso, favorendo la digestione e migliorando le prestazioni del sistema immunitario.

Uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Biochemistry and Nutrition ha appurato che il contenuto di antociani e polifenoli, contenuti nella polpa delle bacche di Acai, neutralizza effettivamente i radicali liberi, ma l’effetto delle bacche sui livelli di glucosio e sul controllo del peso corporeo è risultato essere piuttosto minimo, rispetto, invece, la grande propaganda mediatica che si fa. In ogni caso, i nutrienti presenti nelle bacche, possono realmente migliorare lo stato della nostra salute e rallentare il processo di invecchiamento.

Le proprietà benefiche delle bacche di Acai, così come quella di altri super cibi, non devono comunque indurre a far pensare che, consumando una ciotola di bacche ogni giorno, preserviamo perfettamente il nostro organismo. Affidarsi ai super food come se fossero la bacchetta magica per risolvere tutti i nostri problemi è un approccio sbagliatissimo.

Credere o non credere ai super cibi?

Personalmente credo molto nei super cibi, il problema e come questi vengono trattati dai media: “questa bacca ti donerà una pelle giovane ed elastica, questo seme aiuta la tua digestione, questa bevanda ti farà ringiovanire”! Molti super cibi, integratori e altre tipologie di prodotto vengono commercializzati allo stesso modo di come le case farmaceutiche commercializzano i loro prodotti, una pratica che personalmente reputo irresponsabile. Ecco perché, prima di affidarmi a un super cibo, perdo molto tempo nello scovare ricerche scientifiche effettuate sullo stesso. Il Web è pieno di siti che ospitano ricerche di tutti gli istituti più famosi al mondo, basta magari conoscere la lingua inglese, oppure affidarsi a qualche buon sito italiano che riporta le traduzioni degli studi. E se anche un alimento dovesse essere annoverato fra i super cibi, è comunque importante sapere che il loro consumo deve essere associato a uno stile di vita sano e ad una alimentazione corretta e consapevole. Non si può certo pensare di mangiare una torta di cioccolato al cacao e pensare che il contenuto di cacao possa essere un toccasana per migliorare la pressione del sangue…

Insomma, quando pensiamo ai super cibi: bacche di Acai, goji, semi di chia, quinoa, il cui nome spesso può anche essere “sexy” e ammaliante, ma anche a cibi più “nostrani” (asparagi e mandorle, ad esempio), bisogna pensare agli stessi come ad una valida integrazione alla propria dieta, che comunque deve essere equilibrata e ricca di sostanze nutritive. A proposito delle mandorle, sapevi che consumandone sei al giorno garantisci all’organismo magnesio, calcio, vitamina E, ferro e una quota di grassi buoni? Gli asparagi contengono pochissimo sodio e molto potassio, sono ottimi quindi anche per regolare l’equilibrio dei liquidi, riducendo ristagno e gonfiore. In aggiunta gli asparagi contengono rutina, una sostanza presente anche negli agrumi (maggiormente nella scorza), ed nelle more e nei mirtilli, capace di rafforzare i vasi capillari.

Una squisita ricetta che impiega dei super-cibi:
Salmone con mandorle & asparagi

Salmone marinatoRiporre una padella sui fornelli con fiamma medio/alta. Aggiungere sul pesce mezzo cucchiaio di olio di oliva, il prezzemolo e una spolverata di sale e pepe. Massaggiare l’olio e il prezzemolo sul pesce, quindi riporlo in padella (con la pelle che poggia sul fondo della stessa) facendo cuocere per 5 minuti; girare il pesce e far cuocere per altri 2 minuti. A cottura ultimata riporre il salmone in un piatto, avendo cura di coprire lo stesso con un foglio di carta argentata.

Nella stessa padella di cottura del pesce aggiungere cucchiaio di olio e riscaldare, riporvi gli asparagi precedentemente puliti e lasciare soffriggere per 30-40 secondi, finché il loro colore inizia a tendere al marroncino. Aggiungere scaglie di aglio e peperoncino, amalgamare gli asparagi con questi ultimi ingredienti e far cuocere per un ulteriore minuto; aggiungere le mandorle a scaglie e cuocere per altri 30 secondi fino a leggera doratura delle mandorle.

Dividere il trancio di salmone in due pezzi, impiattare e riporre gli asparagi sui due tranci di salone; su ogni portata irroriamo il pesce e gli asparagi con il restante olio di oliva, una spruzzata di succo di limone e un pizzico di sale e pepe.

Buon appetito!

Salva

Salva

Ricette con Super-cibi. Salmone con mandorle & asparagi

Ultima modifica: 2016-04-28T12:20:30+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Secondi piatti

3 Commenti

  1. […] Gli asparagi offrono una moltitudine di fibre vegetali, acido folico e vitamina. Nella fattispecie negli asparagi è importante la presenza di acido folico, fondamentale per la sintesi di dopamina, serotonina e norepinefrina, sostanze cruciali per la regolazione dell’umore. L’asparago e anche una buona fonte di fibre e vitamine, nella fattispecie vitamine A, C, è, K così come il cromo, un minerale che aumenta l’efficacia dell’insulina. Insieme all’avocado, al cavolo e cavolini di Bruxelles, gli asparagi sono una fonte particolarmente ricca di glutatione, un composto disintossicante che aiuta a combattere le sostanze cancerogene e altri composti nocivi come i radicali liberi. Altra peculiarità dell’asparago sono da ricercarsi nella sua capacità di fungere da diuretico naturale, aiutando a liberare il corpo dei sali in eccesso, particolarmente utile per chi soffre di edema (un accumulo di fluidi nei tessuti del corpo) e per coloro che soffrono di pressione alta o altre malattie legate al cuore. Leggi la mia ricetta per preparare degli ottimi asparagi in abbinamento col pesce […]

    Reply

  2. […] Una ricetta semplice, veloce e gustosissima, un’ottima idea per aprire una cena o un pranzo, oppure come delizioso contorno. Gli ingredienti sono davvero pochi e il tempo di preparazione è di 15-20 minuti appena. Prova anche la mia ricetta per impiegare gli asparagi col salmone […]

    Reply

  3. […] curiosità per gli amanti del cibo salutare (leggi l’approfondimento sui super cibi e prova la ricetta del salmone con mandorle e asparagi): Il salmone selvaggio dell’Alaska, sia esso fresco che surgelato, contiene più acidi grassi […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Come preparare la Shakshuka, la variante israeliana del nostro uovo in purgatorio

La shakshuka è un piatto tipico israeliano, il nome deriva dal berbero e significa mistura…