Home News Scienziati scoprono il motivo per cui troviamo incredibilmente difficile dire di no a pasta e patatine

Scienziati scoprono il motivo per cui troviamo incredibilmente difficile dire di no a pasta e patatine

3 min. (tempo di lettura)
0
0
201
Patatine fritte

Gli scienziati hanno identificato un “settimo gusto”, che potrebbe essere il motivo per cui molte persone non riescono a dire di no a un sacchetto di patatine o a un bel piatto di pasta.
Secondo Juyun Lim, dalla Oregon State University di Corvallis, gli essere umani sono in grado di identificare e lasciarsi attrarre dal sapore dell’amido, il che potrebbe spiegare perché a volte sembra impossibile evitare spuntini a base di carboidrati, pasta, patate e pane in primis.

Un tempo si pensava si potessero distinguere solo quattro sapori: dolce, acido, salato e amaro, ma nel 2007 gli scienziati hanno aggiunto alla lista un nuovo gusto, l’umami, un quinto gusto, che in giapponese significa “saporito” e che è caratteristico del glutammato monosodico (acido glutammico), amminoacido presente in alimenti molto proteici, come carne e formaggio (nella nostra dieta mediterranea, il parmigiano reggiano è l’ingrediente più umami riconoscibile). Ora Lim e i suoi collegati hanno individuato un sesto gusto che ci permetterebbe di distinguere l’amido contenuto nei carboidrati. Juyun Lim spiega: “Ogni cultura si rifà a cibi con una grande fonte di carboidrati complessi. L’idea che non siamo in grado di gustare ciò che stiamo mangiando non ha senso”.

Secondo Michael Tordoff del Monell Chemical Senses Center di Philadelphia, il nuovo gusto scoperto da Lim, si aggiunge alla crescente evidenza che il gusto umano è più complesso di quanto si possa pensare: “Molte persone credono che esistano solo cinque gusti, ma in molti pensiamo che in realtà ne esistano tantissimi altri”. Nella fattispecie Tordoff sta spendendo energie e tempo indagando sulla possibilità di riuscire a gustare selettivamente il calcio; altri gusti potenziali oggetti d’indagine sono il sapore delle bevande gassate, il sapore metallico del sangue e gli amminoacidi.
Affinché però l’amido possa essere ufficialmente riconosciuto come l’ennesimo gusto riconoscibile dagli esseri umani, sarà necessario dimostrate che esistono sulla lingua specifici recettori di questo sapore.

Scienziati scoprono il motivo per cui troviamo incredibilmente difficile dire di no a pasta e patatine

Ultima modifica: 2016-09-05T16:39:40+00:00

da Luna

Mostra altri della sezione News

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

Fior di Natura, la nuova linea di prodotti VEG targati Eurospin

Eurospin, uno dei più grandi discount italiani, desideroso di soddisfare le esigenze dei s…