La Spirulina è una microalga dal colore blu-verde vivido che cresce comunemente nei laghi d’acqua dolce e stagni. Quest’alga contiene 9 aminoacidi essenziali, diverse vitamine del gruppo B e altre sostanze nutritive, tra cui il ferro, tanto che solitamente viene consigliata ai vegetariani. Le sue proteine sono altamente digeribili, molto di più rispetto a quelle contenute nella carne rossa e persino nella soia.

Il contenuto proteico enorme della Spirulina, non è l’unica risorsa che conferisce a questa alga lo status di super cibi. Quest’alimento, infatti, è naturalmente ricco di vitamine (C, K, A, E) calcio, ferro, magnesio, fosforo, potassio, sodio e zinco, ma anche beta-carotene e zeaxantina; inoltre è ricca di GLA, ALA, EPA e DHA e altri acidi grassi.

La facilità di digerire il prodotto, è dovuta essenzialmente alle pareti cellulari dell’alga, che non presentano cellulosa, ragion per cui le sue proteine risultano altamente digeribili, con una percentuale che si aggira intorno all’85%-95%. Alcuni recenti studi suggeriscono che la Spirulina può migliorare il metabolismo lipidico acidico, ma anche ridurre il grasso in eccesso nel fegato e proteggere il cuore.

L’ingrediente principale in essa contenuto è chiamato ficocianobilina e costituisce circa l’1% della Spirulina; questo composto imita la bilirubina del corpo umano, al fine di inibire un enzima chiamato complesso NADPH ossidasi; inibendolo, la Spirulina fornisce potenti effetti anti-ossidanti e anti-infiammatori. L’alga è anche ricca di clorofilla, sostanza che aiuta a eliminare le tossine nel sangue e rafforzare il sistema immunitario.

Un potente antiossidante

Non tutti forse sono a conoscenza del fatto che la ricerca scientifica ha fatto sì che oggigiorno sia possibile determinare, per uno specifico alimento, l’attività antiossidante dello stesso. Tale parametro è conosciuto come indice ORAC, acronimo di oxigen radical absorbance capacity (Capacità di Assorbimento dei Radicali dell’Ossigeno).
Questo particolare indice è in grado di misurare la capacità antiossidante degli elementi nei confronti dei radicali liberi. Per quanto riguarda la Spirulina, l’indice ORAC è particolarmente significativo, nella fattispecie il valore del parametro è di 24.000, ben quattro volte maggiore di quello ad esempio, dei mirtilli, notoriamente conosciuti per essere anch’essi un potente antiossidante.

Tra i composti presenti nella Spirulina c’è da segnalare l’acido linolenico, ultimamente balzato agli onori della cronaca per le sue proprietà anti-infiammatorie, soprattutto se assunto in abbinamento con altre tipologie di Omega-3 (omega 3 cibi ricchi), come quelli presenti nel fegato di merluzzo.

– Contiene Omega 3, 6 e 9, risulta particolarmente ricca di omega-3;
– Offre un’elevata concentrazione di ferro biodisponibile, eccellente in gravidanza e per chi soffre di anemia.
– Offre un incredibile contenuto di calcio, 26 volte quello presente nel latte.
– Si lega ai metalli pesanti nel corpo, contribuendo alla loro eliminazione.
– Può aumentare la combustione dei grassi durante l’esercizio fisico.

Cosa dice la scienza

Gli antiossidanti naturalmente presenti nella Spirulina possono aiutare gli atleti a recuperare dallo stress ossidativo indotto da esercizio fisico e che contribuisce all’affaticamento muscolare. In uno studio del 2010 pubblicato sul magazine scientifico Medicine & Science in Sports & Exercise i ricercatori hanno studiato i possibili benefici della Spirulina su nove corridori amatoriali di sesso maschile nel corso di quattro settimane. I corridori, dopo l’assunzione di Spirulina, hanno mostrato un maggiore aumento della performance fisica. Secondo gli autori dello studio, anche se questi risultati preliminari sono promettenti, non possono essere presi in forte considerazione, per avere certezza assoluta di quanto ipotizzato sarà necessario effettuare altri approfondimenti.
In un recente studio della Ohio State University si è appurato che la spirulina è in grado di ridurre la fatica mentale e fisica. I ricercatori hanno confrontato gli effetti di un placebo e la somministrazione di 3 grammi al giorno di spirulina su alcune persone sottoposte a test di sforzo aerobico in palestra e test sui quiz di matematica. In entrambi i casi, chi era stato sottoposto a somministrazione di spirulina, ha fatto riscontrare prestazioni più significative.

Uno studio del 2008 – riportato dal magazine Annals of Nutrition and Metabolism – ha testato gli effetti ipolipemizzanti della Spirulina su 78 adulti, di età compresa tra 60 e 87 anni. Ai volontari sono stati fatti assumere, al giorno e per 16 settimane,8 grammi di Spirulina, o un placebo. Alla fine dello studio, tra coloro che avevano assunto la Spirulina, si sono registrate riduzioni significative del colesterolo.

Un altro studio pubblicato sul Journal of the Science of Food and Agriculture ha preso in esame 52 adulti con età compresa tra i 37 e 61 anni affetti da colesterolo alto. Ai partecipanti al test è stato somministrato, per ogni giorno per 12 settimane, 1 grammo di integratori a base di Spirulina. Alla fine dell’esperimento, i livelli medi di trigliceridi, colesterolo totale e colesterolo LDL sono diminuiti; la pressione arteriosa, il peso e l’indice di massa corporea sono risultati invariati.

In definitiva i medici considerano la Spirulina un alimento “sicuro”, anche perché consumato per tanti anni da diverse popolazioni, tuttavia bisogna prestare molta attenzione all Spirulina che si compra, potrebbe infatti essere contaminata da metalli tossici, batteri nocivi e microcistine – tossine prodotte da alcune alghe – tutti agenti che possono formarsi nel caso in cui il prodotto non viene coltivato in condizioni ideali.  Prodotti non certificati possono davvero creare danni all’organismo, il consiglio è sempre lo stesso, prima di assumere questo a altri integratori rivolgersi sempre al medico curante

Come si consuma la Spirulina

Prima di assumere la Spirulina, è essenziale parlare di questa decisione con il proprio medico curante, solo dopo un suo parere positivo sarà possibile acquistare il prodotto, esclusivamente in forma bio, ed aggiungerlo a frullati o ad altrimenti in grado di nascondere il sapore dell’alga, che a dire la verità non è proprio dei più gradevoli, ricorda vagamente il pesce. Il consulto medico è sempre raccomandato, anche perché la Spirulina potrebbe interferire con alcune malattie autoimmuni e interagire con farmaci anticoagulanti.

Il modo più semplice per utilizzare la Spirulina è quello di aggiungerla al succo di frutta o a un frullato, per esempio si può aggiungere al succo di mela oppure un frullato con banane o mango. Si inizia con un cucchiaino o meno, per poi aggiungerne un altro po’ quando si è certi di riuscire a tollerarne il gusto.

Compra online la Spirulina Bio

 

Di seguito alcune ricette super-veloci per l’impiego della Spirulina:

Miele alla Spirulina

Ingredienti:

  • 3 cucchiai di miele
    Una punta di cucchiaino di cannella
    Un pizzico di di polvere di Spirulina

Procedimento:

Mescolare tutti gli ingredienti insieme e utilizzare il miele normalmente per condire frutta, tè, cereali e via dicendo.

 

Un ottimo condimento per l’insalata

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
    1 cucchiaio di polvere di Spirulina
    Succo e scorza di mezzo limone
    Aglio in polvere q.b.

Procedimento:

Mescolare tutti gli ingredienti insieme e utilizzare la salsina per condire l’insalata.

Spirulina, alga ricchissima di Calcio e Antiossidanti

Ultima modifica: 2016-05-04T11:22:47+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Approfondimenti

5 Commenti

  1. […] I super cibi non sono sempre delle piante “glamour”, se così possiamo definirle. È il caso della Spirulina, un’alga energizzante – che cresce spontaneamente nei laghi salati – dal sapore non propriamente eccellente ma ad alto contenuto nutriente. La Spirulina contiene proteine e amminoacidi essenziali tra cui: isoleucina, lisina, metionina, valina, leucina, triptofano, treonina e fenilalanina. Basti pensare che contiene più di tre volte le proteine che si possono trovare nella stessa quantità di fagioli, ben otto volte la quantità di calcio presente nel latte, e addirittura ben 34 volte più ferro che negli spinaci. E ancora, questa particolare alga contiene 20 volte il betacarotene naturalmente presente nelle carote. Leggi il mio approfondimento su questo super cibo. […]

    Reply

  2. […] contrastare il danno, e contemporaneamente sostenere la salute degli occhi, possiamo ricorrere agli antiossidanti. Gli antiossidanti combattono l’effetto ossidativo attraverso una serie di meccanismi. Il nostro […]

    Reply

  3. […] tanto ricchi di antiossidanti, possono essere utili per far fronte a una sbornia. Ad esempio, la supercibi è ottima per apportare le giuste vitamine e minerali che l’alcool ha esaurito, così come […]

    Reply

  4. […] a broccoli e spinaci, hanno alti livelli di riboflavina, così come l’alga spirulina essiccata (leggi il mio approfondimento), la farina di castagne, la crusca di frumento e la soia. La vitamina B2 è idrosolubile, è quindi […]

    Reply

  5. […] tra gli ingredienti; altre fonti naturali di glicina sono i bianchi d’uovo, la soia, l’alga spirulina, il baccalà ma anche mortadella, seppie e pollo cotti e semi di zucca. In commercio esistono anche […]

    Reply

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

10 cose che rendono un uomo attraente

È quasi comune il pensiero che molto uomini siano attratti da donne alte, belle, ricche, f…