In cucina, le cattive abitudini, la negligenza e, a volte, la necessità di svolgere velocemente un compito, sono ogni anno causa di malattie e incidenti domestici. Di seguito alcune dritte e trucchi per impedire che un buon pranzo o una buona cena si trasformino in un momento da dimenticare.

Usa taglieri diversi a seconda del cibo da preparare

tagliereUno studio pubblicato sul Journal of Public Health la scorsa primavera ha messo in evidenza come un quarto di chef molto famosi usano lo stesso tagliere per preparare indistintamente ortaggi e carne cruda. Anche se la Food Standards Agency (FSA) raccomanda di usare differenti taglieri per i cibi crudi e cotti, o lavarli tra la preparazione di cibi differenti, molte persone sembrano non badare a questa raccomandazione. I batteri che potenzialmente si depositano sul tagliere, possono facilmente trasferirsi da un cibo a un altro mettendo in atto una sorta di contaminazione incrociata. La pratica migliore è quella di usare taglieri diversi per la carne cruda, pollame, pesce e verdure. In alternativa, lavare accuratamente il tagliere in acqua calda e sapone e sostituirlo non appena si notano fessure.

Non buttare l’olio nello scarico

La tentazione di versare l’olio o il grasso usato per la frittura nello scarico può essere forte, è un modo veloce per disfarsi dell’olio esausto, senza però pensare che, una volta entrato nel canale di scolo, si indurisce e può intasare le fognature, oltre a favorire l’inquinamento ambientale. La cosa migliore da fare è quella di raccogliere l’olio esausto in appositi contenitori da consegnare agli addetti al servizio di raccolta dei rifiuti. In caso di grasso da smaltire, lascialo solidificare poi raschialo nel cestino della pattumiera.

Attenzione al cibo bruciacchiato

La cottura degli alimenti per troppo tempo, o a temperatura troppo elevata, può variare sensibilmente le proprietà del cibo. Nutrienti sensibili al calore, come ad esempio la vitamina C e i folati, vengono completamente distrutti dalle alte temperature. Meglio cuocere la verdura facendola rimanere croccante e farle conservare gran parte dei nutrienti, piuttosto che renderla stracotta e priva di nutrienti.

Importantissimo fare in modo che la carne il pane non si brucino creando la classica patina nera sulle loro superfici. Quando i carboidrati come pane o patate si bruciacchiano, sviluppano un componente conosciuto come acrilamide, una sostanza chimica che, secondo l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), può aumentare il rischio di cancro. Lo stesso dicasi per la carne, in questo caso si sviluppano tossine note come ammine eterocicliche.

Non lavare il pollo

polloQuattro persone su dieci lavano il pollo prima di cuocerlo, ma secondo gli esperti questa pratica non fa altro che diffondere batteri (distrutti durante la cottura del pollo) intorno il lavello, sui piani di lavoro e sugli utensili di cucina, che poi, inevitabilmente, entrano in contatto con altri alimenti. Il Campylobacter presente nel pollo, secondo alcuni dati sarebbe il batterio responsabile del maggior numero di contaminazioni alimentari in Europa. A proposito di pollo, sai come preparare cotollette di pollo molto saporite?

Sai come gestire le piccole ustioni?

Quando siamo indaffarate in cucina, può succedere che maldestramente ci scottiamo, la reazione istintiva è quella di catapultarsi nel congelatore afferrare una qualunque confezione di prodotto congelato e metterlo a contatto con la parte ustionata. In realtà, secondo diversi medici, il ghiaccio in questo caso non è il migliore dei trattamenti, l’applicazione di ghiaccio sull’area scottata potrebbe infatti ridurre il flusso sanguigno, causando ulteriori danni al tessuto. In questi casi la cosa migliore da fare è far scorrere sulla parte interessata dell’acqua fredda per almeno 20 minuti, poi coprire l’area con una medicazione e, nel caso, consultare il medico di famiglia.

La buona conservazione dei cibi in scatola

tonno in scatolaQuante di noi abitualmente conserva le lattine aperte di salsa, tonno, legumi nel frigorifero? Se lo fai spesso, da oggi in poi evita. Esporre il cibo in scatola all’aria significa che quel cibo non potrà più mantenere la qualità, gusto e consistenza naturale; inoltre, se la scatoletta rimane aperta si aumentano le probabilità di contaminazione incrociata. Conserva sempre il cibo avanzato dalle scatolette in appositi contenitori muniti di coperchio. A proposito di frigorifero, sai quali sono i cotollette di pollo molto saporite?

Ad ogni cottura l’olio giusto

La composizione chimica degli oli inizia a cambiare quando raggiungono una determinata
temperatura, conosciuta come punto di fumo; a queste temperature il cibo in cottura può cambiare sapore oltre perdere importanti proprietà nutritive. Oli differenti hanno punti di fumo differenti, ecco perché per la cottura ad alta temperatura, ad esempio per le fritture, sono raccomandati olio di colza, oli vegetali o di mais; per cotture a temperature minori viene raccomandato l’olio d’oliva. Utilizza olio extravergine di oliva, olio di semi di lino e di sesamo per condire le insalate o per preparazioni a crudo, si tratta di oli con punto di fumo molto basso, meglio quindi non utilizzarli per la cottura dei cibi.

La regola dei 5 secondi non vale

Cono gelatoStudiosi della Rutgers University, hanno provato scientificamente che consumare un cibo caduto per terra e recuperato nell’arco di 5 secondi, non è sicuro. L’umidità, la tipologia di superficie e il tempo di contatto contribuiscono a creare contaminazioni incrociate che, in alcuni casi, può avvenire in meno di un secondo. Donald Schaffner, uno dei ricercatori che ha preso parte allo studio ha spiegato: “i batteri possono contaminare istantaneamente”. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul magazine American Society for Microbiology’s journal, Applied and Environmental Microbiology.
Ad avvalorare la tesi un altro studio svolto dal prof. Ronald Cutler, microbiologo della Queen Mary, Università di Londra. Nei test di laboratorio sono stati fatti cadere per terra, su superfici infestate da Escherichia coli, toast imburrati e pizza. I campioni sono stati raccolti immediatamente, dopo cinque o 10 secondi, in ogni caso, in ogni campione è stata riscontrata contaminazione da parte dei batteri.

Trucchi in cucina. Per cucinare in modo intelligente

Ultima modifica: 2017-02-07T16:47:01+00:00

da Luna



Mostra altri della sezione Casa e famiglia

Lascia un commento

La tua email non sarà pubblicata Required fields are marked *

Potrebbero interessarti…

6 usi del bicarbonato di sodio in lavatrice

Può suonare un po’ come il vecchio rimedio della nonna, ma, l’aggiunta di bicarbonat…